Schema illustrativo sullo standard razza Akita

Lo standard dell’ Akita, tutelato dal saki

È un cane massiccio, di corporatura grande e aspetto degno di stima e rispetto. I maschi sono alti 64-70 cm e le femmine 58-64; il loro peso si aggira intorno ai 35-40 chilogrammi. La differenza tra maschi e femmine deve essere marcata e netta. Il cranio è ampio con fronte spaziosa; tartufo scuro e cicciotto; muso a punta, con canna nasale diritta e poco lunga; verso il collo si allarga; i denti sono forti e non sporgenti. Gli occhi sono scuri, piccoli, abbastanza separati tra di loro, che riflettono la loro natura di cani attenti, ma docili. Le orecchie sono erette e leggermente inclinate in avanti; si allargano all’attaccatura con la testa; la coda arriva al garretto ed è arrotolata sul dorso in varie posizioni, che sono tutte accettate; una eccezione è la coda dritta. Le zampe sono muscolose, forzute con ossatura forte; d’altronde venivano usati come cani da caccia e da guardia e quindi hanno sviluppato tutti i muscoli. Il pelo è abbastanza lungo e ruvido con sottopelo appena pronunciato ma soffice; nella coda è molto folto. i colori ammessi sono 4: bianco, fulvo, tigrato e sesamo, tutti i colori devono avere l’urajiro (pelo biancastro) sui lati del muso e sulle guance, sotto le mascelle sulla gola sul petto e sul ventre nonché sul lato inferiore della coscia e nelle parti interne degli arti. La sezione di razza akita in Italia è il saki.
Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita Schema illustrativo sullo standard razza Akita

 

Le tavole illustrative dello standard sono state pubblicate dall’associazione giapponese Hozonkai.